Problemi posturali: cosa sono

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

I problemi posturali, ovvero i problemi derivanti da una postura scorretta, possono essere di vario genere che vanno da semplici fastidi a piccoli dolori fino ad arrivare a vere e proprie patologie.

Per questo è importante fare caso e mantenere sempre una giusta postura durante la giornata, proprio in quel che sono i normali comportamenti come guardare la TV, stare al PC, leggere un libro o dormire.

Prima di analizzare i vari fastidi legati ai problemi posturali, diamo una definizione di cos’è la postura.

 

La postura è la posizione che un corpo assume nello spazio conseguentemente alla contrazione dei vari gruppi muscolari scheletrici che vanno ad opporsi alla gravità.

 

La postura può essere di vario genere:

  • eretta
  • da seduto
  • da decubito

Mantenere una postura corretta dà la possibilità al corpo di risparmiare energia evitando un affaticamento muscolare, permette ai muscoli di lavorare più’ efficientemente e previene l’insorgere dei dolori muscolari.

Tuttavia la postura viene spesso sottovalutata in quanto è parte di comportamenti abituali, movimenti e posizioni che vanno in automatico.

Va però ricordato che i problemi posturali incidono soprattutto sulla colonna vertebrale.

Quest’ultima è formata da quattro curve naturali che servono ad ammortizzare e sostenere il peso del torace e della testa oltre che a mantenere l’equilibrio riducendo il carico del peso e, se sovraccaricata, portano i muscoli a subire pressioni e tensioni innaturali che danno vita a dolori diramati in svariate parti del corpo.

Problemi posturali: cause e sintomi.

Solitamente i problemi posturali nascono da eventi traumatici anche lievi modificando l’equilibrio delle articolazioni che uniscono il collo alla colonna vertebrale e agli arti.

Questo porta il corpo ad assumere atteggiamenti o posizioni errate per compensare l’equilibrio che, il più delle volte, si trasformano in veri vizi comportamentali.

Tra questi vizi potremmo evidenziare quello di appoggio alterato del plantare, causa del piede piatto o cavo, che potrebbe generare diversi disturbi:

  • alle caviglie o alle ginocchia
  • al bacino (scoliosi o cifosi)
  • cranio e mandibola (perdita della vista, malocclusioni o arcate dentali disallineate)

I principali fattori che influiscono la postura sono:

  • peso corporeo eccessivo
  • condizioni di rigidità o tono muscolare ridotto
  • movimenti che obbligano sforzi sia ai muscoli che ai legamenti
  • talune attività professionali
  • stress sia fisici che psichici
  • fattori emozionali

I sintomi dei problemi posturali li possiamo distinguere in zone:

Cranio e cervicali

  • pressione ai bulbi oculari
  • vertigini
  • cefalea o emicrania
  • denti e mandibola non allineati
  • diplopia
  • bruxismo
  • schioccare della bocca in apertura o chiusura
  • dolore del trigemino
  • prurito agli orecchi
  • acufene

Vertebre

  • sciatalgia
  • parestesia degli arti
  • lombalgia
  • torcicollo
  • difficoltà di deambulazione
  • dorsalgia

Articolazioni

  • alterazione articolazioni del piede (disassiamenti)
  • piede piatto o cavo
  • dolore ai piedi
  • disassiamenti del bacino (rotazione)
  • vere e valghe (alterazione articolazioni ginocchia)
  • disassiamenti alle spalle (anteposte)

Potremmo concludere che le cattive abitudini comportamentali e le conseguenze degli eventi traumatici non solo possono limitare il miglioramento posturale ma accellerano quelli che sono i normali processi degenerativi del corpo.

Problemi posturali: conseguenze.

Le conseguenze legate ai problemi posturali aumentano continuamente all’avanzare deli studi e delle ricerche di posturologia.

Grazie alla scienza della psiconeuroendocrinoimmunologia inoltre ormai è altamente dimostrato come una certa postura abbia delle ripercussioni nella sfera psichica e viceversa.

Vediamo di analizzare i vari settori del corpo e di associare ad essi le conseguenze di una postura errata.

BACINO: un bacino non correttamente allineato potrebbe causare problemi di tipo urologico, viscerale e ginecologico; inoltre si potrebbe incorrere al restringimento del foro invertebrale che causerebbe danni ai nervi spinali e alle fibre neurovegetative interessando anche torace, addome e pavimento pelvico.

MUSCOLI CERVICO-DORSALI E CERVICALI: la retrazione, le tensioni e le contratture di questi muscoli possono far comparire cefalee, dolori dentari, problemi di equilibrio, nausee, problemi di memoria, dolori oculari, invecchiamento celebrale precoce, cali di vista, acufene.

MUSCOLI RESPIRATORI: una respirazione poco fisiologica potrebbe alterarne la funzionalità soprattutto al muscolo del diaframma, a contatto diretto con organi vitali del torace e dell’addome favorendo problematiche circolatorie.

NODO VASCOLARE NERVOSO: all’altezza del malleolo, è fondamentale per la circolazione dei liquidi corporei negli arti inferiori per il ritorno venoso. Spesso non riesce a compiere la propria fisiologica missione poiché compromesso da una postura errata come il piede in eversione.

PIEDE: le conseguenze di un errato avvolgimento – svolgimento del piede, aderenza delle fasce e retrazioni possono essere stanchezza degli arti inferiori, vene varicose, flebiti, edemi per stasi circolatori ecc.. ecc..

Problemi posturali: riabilitazione con StoreFit.

Per riprendere il controllo sulla postura è necessario rieducarla con la ginnastica posturale.

Questa ginnastica è finalizzata a prevenire o curare i dolori muscolo-scheletrici fortemente squilibrati dai problemi posturali.

Infatti una postura scorretta non solo altera le ossa ma anche i muscoli che risulteranno, alcuni inadeguati a sorreggere la struttura a causa della perdita di tono mentre altri creeranno forti tensioni in quanto risulteranno rigidi e accorciati.

Con gli allenamenti mirati di StoreFit, si riavrà un benessere muscolo-scheletrico restituendo lunghezza ed elasticità.

Verranno eliminati gli accorciamenti delle catene muscolari così da attenuare i dolori e i problemi posturali delle articolazioni o della colonna vertebrale come lombalgie, cervicalgie, nevralgie e altre patologie.

Condividi questo articolo...

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Iscriviti "Gratis" per ricevere una mail quando esce un nuovo articolo.

Ti potrebbe interessare anche...